TOGETHER WE WINE

Il dottor Cesare Marco Scoffone, nato a Vezza d’Alba e residente ad Alba da sempre nonostante lo sviluppo della sua carriera di chirurgo urologo a Torino, è attualmente il Direttore della S.C. Urologia dell’Ospedale Cottolengo di Torino. Oltre all’attività clinica e chirurgica il dottor Scoffone ha sempre amato molto l’aspetto didattico, realizzando anno dopo anno numerosi corsi avanzati di Endourologia, la cui massima espressione dal 2011 è il Congresso Technology and Training in Endourology, alla sua decima edizione nel 2020.
Il Technology and Training in Endourology mette insieme colleghi urologi per lo più giovani provenienti da tutto il mondo e i massimi esperti in endourologia, per realizzare un vivace scambio di idee, nozioni, esperienze cliniche ed accorgimenti intraoperatori, in una cornice di accoglienza e convivialità uniche, cene condivise di altissimo livello e l’immancabile partecipazione dei produttori di vino di Langhe e Monferrato. Anno dopo anno il contributo delle migliori cantine della zona sia per la cena della Faculty sia per quella di gala ha costituito una cifra unica dell’evento, una testimonianza del legame molto forte tra il dottor Scoffone e la sua terra, un ponte tra due passioni, quella urologica e quella per i prodotti degli splendidi vigneti che ricoprono le morbide colline della zona.
Il supporto al progetto Together We Wine è la continuazione ideale del legame collaudato tra il Technology and Training in Endourology diretto dal dottor Scoffone e i produttori di vino di Langhe e Roero che per tradizione gli sono tanto cari. Tale legame è implicito anche nella scelta dell’ente da supportare con parte dei ricavi dell’iniziativa, il progetto “Pappa reale” organizzato dalla Caritas diocesana albese. L’Emporio della Solidarietà della Caritas, solito a ricevere prodotti in scadenza/eccedenza da supermercati e piccoli negozi, in questo momento di crisi economica dovuta alla pandemia da Coronavirus intende infatti coinvolgere anche i piccoli produttori e i piccoli commercianti colpiti dalla crisi, acquistando da loro parte dei prodotti da destinare alle persone in difficoltà economica che necessitano di un sostegno alimentare. Il circolo virtuoso genererà valore economico per la comunità locale da un lato ed educazione alimentare al cibo sano, giusto e sostenibile dall’altro.
Un grande abbraccio ideale che lega un albese doc alla sua terra e ai suoi concittadini.